Acidificazione degli oceani: un problema reale  

Gli autori di una nuova pubblicazione sostengono che l’acidificazione degli oceani incida negativamente anche nella “sfera” umana oltre a confermarsi essere dannosa per piante e animali.

 

Gli effetti globali dell’anidride carbonica (CO2) che si accumula negli oceani del mondo acidificandone le acque stanno diventando sempre più evidenti. Mentre gli esseri umani estraggono e bruciano combustibili fossili e distruggono foreste, la CO2 nell’atmosfera aumenta a livelli che oggi oltrepassano di gran lunga quelli registrati in epoca preindustriale.

In particolare, l’acidificazione avviene quando l’acqua marina reagisce con l’anidride carbonica assorbita dall’atmosfera, producendo più sostanze chimiche acidificanti e riducendo minerali importanti, come il carbonato di calcio, che assicurano la sopravvivenza degli organismi marini.

Circa il 25% della CO2 rilasciata in atmosfera viene assorbita dagli oceani, innescando una riduzione del pH delle acque, con il conseguente aumento dell’acidificazione. Il pH superficiale medio dell’oceano è già diminuito di 0,1 unitàdall’inizio della Rivoluzione industriale e si prevede un ulteriore calo di 0,3-0,4 unità entro la fine del secolo.

“L’acidificazione degli oceani ha implicazioni ad ampio raggio tra cui l’accessibilità e la qualità del cibo che mangiamo, influenzerà l’aria che respiriamo, la medicina di cui abbiamo bisogno “, afferma il Dr. Richard Bellerby, professore e capo scienziato presso il Norwegian Institute for Water Research (NIVA) e coautore dello studio.

Questi cambiamenti stanno avvenendo su larga scala e con una velocità senza precedenti, esponendo rapidamente gli ecosistemi marini a condizioni estreme: una grande quantità di organismi, come batteri e pesci, subiscono le conseguenze negative dell’acidificazione degli oceani. Molti organismi devono investire energia aggiuntiva per mantenere l’equilibrio acido-base, i processi metabolici e altre funzioni biologiche, con conseguenze devastanti per la loro crescita, riproduzione e sopravvivenza. Tali cambiamenti possono modificare l’equilibrio tra le specie e impattare profondamente nell’ecosistema di cui anche noi umani facciamo parte.

Mentre gli studi sull’acidificazione degli oceani si sono inizialmente concentrati sui potenziali effetti diretti, la ricerca ora incorpora la complessità degli effetti indiretti a livello di ecosistema: “Il nostro studio evidenzia l’urgente necessità di ricerche interdisciplinari e intersettoriali per comprendere e prepararsi alle sfide che collegano l’acidificazione degli oceani allo sviluppo sociale sotto i cambiamenti climatici”, conclude Bellerby.

 

“L’acidificazione degli oceani ha implicazioni ad ampio raggio tra cui l’accessibilità e la qualità del cibo che mangiamo, influenzerà l’aria che respiriamo, la medicina di cui abbiamo bisogno “, afferma il Dr. Richard Bellerby, professore e capo scienziato presso il Norwegian Institute for Water Research (NIVA) e coautore dello studio.

Iscriviti alla newsletter.
Scopri tutte le novità Remediapervoi!
Indirizzo Email non valido